I canali e i fiumi, proprio come le strade, sono disciplinati da alcune regole di guida.

Per far sì che la tua crociera si svolga nelle condizioni migliori, ti invitiamo a scoprire il codice della navigazione, che dovrai rispettare e utilizzare nel corso delle tue vacanze in barca…

Scarica subito il documento nel formato pdf (in inglese) e scopri i vari segnali che incontrerai nel corso della tua crociera fluviale.

A

A MONTE

La parte alta del fiume, ovvero quella più vicina alla sua sorgente.

A VALLE

La parte bassa del fiume, ovvero quella più vicina alla sua foce.

ALTEZZA LIBERA

Altezza disponibile tra il pelo dell’acqua e la chiave di volta di un ponte. Per una barca, distanza verticale tra la linea di galleggiamento e il punto più alto della barca (detto anche, in tal caso, “tirante d’aria”).

ARRESTARE LA BARCA

Fare marcia indietro con la barca per frenarla e fermarla.

ASCENDENTE

Si dice di una barca che naviga in direzione “a monte”, ovvero che risale il fiume nel senso contrario a quello della corrente, dirigendosi verso la sua sorgente. Su un canale, significa che la barca passa le chiuse in senso ascendente (come se salisse degli scalini).

B

BABORDO

Lato sinistro della barca quando si guarda verso prua.

BITTA D’ORMEGGIO

Pezzo di metallo o calcestruzzo, di forma cilindrica, fissato su un molo o su un argine che permette di ormeggiare la barca.

BOTTAZZO

Rinforzo di gomma o legno che gira attorno allo scafo della barca per proteggerlo. Quasi tutte le barche sono munite di bottazzo (uno, due o persino tre su alcuni modelli) e di parabordo, per una protezione supplementare dello scafo.

C

CANALE NAVIGABILE

Si tratta della zona navigabile indicata sulle cartine e che dovrai seguire scrupolosamente per evitare ogni tipo di pericolo: scogli, secche, pali…

CONCA FLUVIALE

Parte del bacino fluviale regolata dalle due porte di una chiusa.

D

DISCENDENTE

Si dice di una barca che naviga in direzione “a valle”, ossia che segue il senso della corrente, dirigendosi verso la foce del fiume. Su un canale, significa che la barca passa le chiuse in senso discendente (come se scendesse degli scalini).

G

GALLOCCIA

Pezzo metallico fissato a una barca che permette di assicurare le cime. In generale, le barche sono munite di due gallocce a poppa e di una o due gallocce a prua.

GANCIO D’ACCOSTO

Detta anche gaffa o mezzomarinaro, è una lunga asta di legno o metallo munita, a un’estremità, di un ferro a uncino. L’utilizzo del gancio di accosto in occasione delle operazioni di ormeggio o di passaggio delle chiuse semplifica le manovre ed evita alla barca di subire urti.

M

MAGRA

Livello più basso di un corso d’acqua o di un canale.

MURO DI FIANCATA

Muro laterale di una chiusa; può essere verticale o leggermente inclinato

O

OPERA MORTA

Parte/volume della barca che si trova sopra la linea di galleggiamento. Più il volume dell’opera morta è importante, più la barca offre presa al vento. Si tratta di un elemento importante del quale devi sempre tenere conto durante le manovre.

P

PARABORDO

Accessorio di forma rotonda od ovale gonfiato con aria compressa e collocato a intervalli regolari attorno allo scafo della barca, al fine di proteggerlo contro gli eventuali urti. Generalmente in una quantità compresa tra 8 e 20, i parabordo sono molto resistenti e scoppiano solo in caso di urti assai violenti. Dovrai sempre lasciarli al loro posto, anche se li trovi inestetici.

PASSAGGIO IN CONCA

Si dice di una barca che ha passato la porta di entrata di una chiusa e attende di passare quella di uscita. Il tempo di passaggio dipende dal tempo necessario per il riempimento o lo svuotamento della conca. In generale, il tempo medio sui fiumi è di circa un quarto d’ora.

PESCAGGIO

Altezza della barca che rimane immersa e, più generalmente, profondità di un fiume o di un canale (si dice, per esempio, che un canale/fiume ha 1,40 metri di pescaggio).

POPPA

Lato posteriore della barca.

PRUA

Lato anteriore della barca.

S

SOGLIA

Sorta di scalino che si trova sulla porta a monte di una chiusa e al quale bisogna prestare molta attenzione (cfr. capitolo delle manovre con i relativi disegni).

SORPASSO

Azione di superare una barca che segue la stessa rotta.

STRADA DI ALAGGIO

Sentiero che costeggia il canale o il fiume, utilizzato fino agli inizi del secolo per far tirare le chiatte da uomini e cavalli.

T

TIMONE

La ruota del timone, che assomiglia al volante di un’automobile, permette di controllare la barra del timone, superficie sagomata ubicata a poppa. Permettono entrambe di dirigere la barca.

TIRANTE D’ACQUA

Distanza verticale tra la parte più bassa della barca (in generale lo scafo) e la linea di galleggiamento. È detto anche pescaggio.

TRIBORDO

Lato destro della barca quando si guarda verso prua.

TRONCO

Parte di un fiume o di un canale compresa tra due chiuse.

TRONCO DI PARTIZIONE

Punto più alto del canale, dove si trova la linea di partizione delle acque.

Nicols utilizza dei cookies per offrirti un migliore servizio. Continuando, accetti questi cookies.